Configurare PernixData FVP 3.0

Con questo articolo completeremo la serie riguardante FVP 3.0. Nell’articolo configureremo il software per l’utilizzo.

Blog series

PernixData FVP 3.0 installation – part 1
PernixData FVP 3.0 configuration – part 2

Configurare FVP 3.0

Collegatevi alla the PernixData Management Console usando l’indirizzo che avete configurato (se vi collegherete usando HTTP verrete reindirizzati all’indirizzo HTTPS). Se avete cambiato le porte di default ricordatevi di modificarle anche qui:

http://manager-server.domain.local:60001/login

Collegatevi usando l’account di servizio che avete creato

config1

Una volta collegati, selezionate il tab “Licensing”, quindi selezionate il vostro vCenter Server e cliccate “Enter FVP License Key” per inserire la vostra licenza. In alternativa cliccate su “Start Trial” per avviare il periodo di prova di 30 giorni.

config2

FVP si collegherà al servizio online per autorizzare la vostra licenza e a questo punto sarete pronti per iniziare ad usare FVP 3.0. Questo è un miglioramento notevole rispetto alle vecchie versioni che coinvolgevano license server e il download di response files.

Creare un Cluster FVP

Selezionate FVP dal menu PernixData Hub e avrete una panoramica dei vostri cluster FVP

config3

Cliccate “Create” sotto FVP Clusters per iniziare la creazio del vostro cluster FVP

config4

Inserite un Nome, selezionate il vSphere Cluster su cui volete usare FVP e cliccate su OK:

config5

Cliccate sul cluster appena creato per aprire i dettagli del cluster

config6

config7

Configurare le risorse per l’accelerazione

Selezionate “Configuration” per iniziare la configurazione delle risorse per l’accelerazione. Cliccate “Add…” per selezionare le risorse flash (o la RAM) che vorreste usare. Se userete la ram per accelerare il vostro storage dovrete allocare un minimo di 4GB (è possibile usare fino a 1TB per host usando multipli di 4GB). Non potete usare RAM e Flash dallo stesso host.

config8

config9a

 

Aggiungere i Datastores da accelerare

Selezionate il tab Datastores/VMs e cliccate “Add Datastores”. Selezionate i datastores che volete accelerare. Aggiungendo il/i datastore, tutte le VM verranno associate in automatico al cluster FVP ed ognuna di essere riceverà la default policy del datastore

A questo punto selezionate le Write policy – ci sono due opzioni:

  1. Write Through
  2. Write Back.

Per maggiori informazioni sulle differenze tra le due tipologie, c’è un ottimo articolo di Frank Denneman qui.

config10

Per aggiungere solamente alcune specifiche  VM o per cambiare la Write Policy di alcune virtual machine, potete usare il bottone “Add VMs…”.

Altre configurazioni

Fault Domains – configurare un fault domain permette di replicare i dati in modo intelligente. Assicura che una copia di ogni scrittura venga replicata su un altro rack o su un differente chassis blade per garantire protezione da eventuali fallimenti. Come impostazione di default gli host configurati nel Cluster FVP sono posizionati nel Default Fault Domain. 

Blacklist – permette di impedire che una specifica VM venga accelerata.

VADP – Specificare le VM VADP nell’ambiente permette che FVP si integri in modo corretto con i processi di backup. Le VM VADP non verranno accelerate da FVP.

Network Configuration – per default FVP utilizza la rete di vMotion per il traffico di replica; è possibile specificare una rete diversa e dedicata esclusivamente ad FVP. Assicuratevi di avere a disposizione un VMkernel sulla rede che intendete usare per per ogni host ESXi ed inoltre assicuratevi che tutti gli host possano comunicare tra loro.

config11

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *