Installare Horizon 6 – Parte 6 – Creare un desktop pool

Horizon View ha alcune differenti tipologie di desktop pools. Ogni pool gestisce i desktop in modo diffenre e ogni tipologia ha scopi differenti. Il tipo di pool che sceglierete dipende da alcuni fattori come gli use case, l’infrastruttura storage e i requisti delle applicazioni. Ci sono 4 differenti tipi di desktop pool:

  1. Full Clone Pools – Ogni desktop virtuale Each virtual desktop è un clone completo di un template in vCenter.
  2. Linked Clone Pools – I virtual desktop sono basati su una snapshot e condividono il loro disco con la the parent virtual machine. I cambiamenti sul linked clone vengono scritti su un delta disk. Le virtual machine sono gestite dal View Composer.
  3. Manual Pools – I desktop sono macchine fisiche o virtuali che hanno il View Agent installato.
  4. Terminal Services Pool – Le macchine che fanno parte di questi pool sono Windows Server con il ruolo Remote Desktop Services installato.

Una volta scelto il tipo di pool, dovrete scegliere il modello di assegnamento dei desktop. Dovrete scegliere fra due diversi tipi di assegnamento:

  1. Floating – I desktop vengono assegnati agli utenti al login e vengono riassegnati come disponibili quando l’utenti si disconnette.
  2. Dedicated – I desktop vengono assegnati agli utenti che ricevono sempre la stessa macchina ad ogni login. I desktops possono essere assegnati automaticamente al primo login oppure possono essere assegnati da un amministratore.

In questo articolo vedremo come creare un desktop pool basato su linked clone con assegnamento floating.

Nota: prima di creare un linked clone desktop pool, il View Composer deve essere installato e configurato. Ho coperto questo argomento nella Parte 2 e nella Parte 4 di questa serie.

  • Collegatevi al View Administrator e, sotto Catalog, selezionate Desktop Pools.1
  • Cliccate Add per creare un nuovo pool. 2
  • Selezionate il tipo di pool che volete create. Qui selezionate Automated Pool e quindi cliccate Next. 3
  • Selezionate se volete desktop Floating o Dedicati. 4
  • Selezionate il tipo di virtual machine che verranno deployate. Nel nostro caso View Composer linked clones. 5
  • Fornite un ID e un Display Name per il pool. Il campo ID è il nome ufficiale del pool e non può contere spazi. Il Display Name è il nome che gli utenti vedranno quando selezioneranno il desktop pool a cui collegarsi. Se volete potete anche aggiungere una descrizione.6
  • Nella schermata successiva dovremo scegliere le impostazione che determinano come il pool funzionerà. Alcune delle opzioni sono le seguenti:
    • Default power state of desktops
    • Display protocols
    • Behavior on user logoff
    • Adobe Flash settings789
  • Dopo questo, dovremo configurare le impostazioni di provisioning per il nostro nuovo pool. Qui sceglieremo le modalità di provisioning, il nome dei desktop e quanti desktop verranno creati.  10
  • La schermata successiva permetterà di decidere se usare un disco non persistente per i disposable file. Per Disposable intendiamo file temporanei e page files. Se viene usato un disposable disk, questi file verranno rediretti qui e questo disco verrà cancellato ad ogni spegnimento della VM.11
  • Selezionate l’opzione di posizionare le Repliche su un datastore separato se volete posizionarle su uno storage tier differente.12a
  • Dopo aver scelto se posizionare o meno i Replica Disk su un datastore separato, dovrete configurare le impostazioni del vCenter per il pool. 12Per configurare ogni settaggio, dovrete cliccare il bottone sul lato destro della schermata. Ogni passo deve essere configurato in sequenza.
    1. Selezionate la Parent VM su cui i Linked Clone saranno basati e cliccate OK.
    2. Selezionate la snapshot da cui verranno creati i Linked Clones.
    3. Configurate la cartella del vCenter in cui verranno posizionati i linked clone.
    4. Selezionate il cluster vSphere dove verranno eseguite le macchine del desktop pool.
    5. Il passo successivo consiste nel selezionare un Resource Pool per le macchine virtuali
    6. Selezionate i datastore che conterranno i Linked Clone e la Replica
      • I Linked Clones possono essere storati su datastore multipli, quindi, in questa sezione, potrete selezionare diversi datastore. Potete anche configurare View per consentire overcommit dei datastore modificando l’opzione Storage Overcommit per ogni datastore aggiunto.
      • Le repliche possono essere contenute in un singolo datastore. Selezionate il datastore desiderato e cliccate OK.
  • La schermata seguente server per configurare le opzioni avnzate dello storage. Le opzioni che possono essere configurate sono il View Storage Accelerator, il disk space reclaimation e làopzione per usare le snapshots NFS native. Se usate il View Storage Accelerator o il disk space reclamation, potrete configurare dei tempi di blackout in cui il vCenter non eseguirà questi task. 20
  • Dopo aver configurato le opzioni avanzate per lo storage, dovrete impostare i settagi per la customizzazione dei guest. Questa sezione permette di selezionare il dominio e la organizational unit per i desktop e se per la preparazione dei desktop verrà usato Sysprep o Quickprep.22
  • Controllate le impostazioni del pool e verificate che tutto sia corretto. Prima di cliccare, selezionate il checkbox  Entitle Users. Questo prmetterà di selezionare gli utenti o i gruppi che saranno autorizzati a connettersi ai desktop.23
  • Dopo aver cliccato Finish, dovrete abilitare l’accesso al pool. View consente di usare utenti e gruppi Active Directory. Cliccate Add per intitolare utenti e gruppi.24
  • Cercate gli utenti o i gruppi che volete intitolare al pool. Se siete in un ambiente multidominio potrete cambiare il dominio usando il campo Domain. Selezionate il gruppo o l’utente che desiderate e cliccate OK. Nota: è meglio usare i security group Active Directory piuttosto che intitolare direttamente gli utenti al pool25

Potrete poi verificare lo stato della creazione del desktop pool in vCenter.
Al termine delle operazioni di creazione, potrete collegarvi al pool usando il client Horizon View o Blast.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *