Installare vCloud Automation Center 6 (vCAC 6) – parte 1

vCloud Automation Center (vCAC) è uno strumento di gestione cloud di VMware e offre un catalogo self-service per la richiesta e la gestione di tutti i tipi di servizi IT su cloud e piattaforme diverse per fornire ai clienti un accesso on-demand a qualsiasi servizio. vCAC è in grado di gestire risorse basate su ambienti virtuali (vSphere, Hyper-V, KVM, XenServer), fisici (Dell, Cisco, HP) e cloud (Amazon, OpenStack, VMware vCloud).

Un’installazione semplice di vCAC è composta da 3 server deployati e installati nell’ordine seguente:

  1. Il primo componente è l’Identity Appliance – L’Identity Appliance  è un appliance virtuale preconfigurato che fornisce le funzionalità di single sign-on. Viene distribuito come tempate in formato open virtualization (OVF).
  2. Il secondo componente è il vCloud Automation Center Appliance – Il vCloud Automation Center Appliance è un virtual appliance preconfigurato che deploya il server vCloud Automation Center Appliance e la web console (lo user portal) ed è distribuito in formato OVF .
  3. Il terzo componente  è  l’IaaS installato su un server Windows (o su più server in base al tipo di deployment)

Oltre ai tre precedenti componenti, altri componenti dell’infrastruttura sono:

  • Active Directory (o OpenLDAP)
  • DNS
  • vCenter server con uno o più host ESXi

Il mio ambiente è composto come segue:

  • vCloud Identity appliance. NOTA: con vSphere 5.5b potete far puntare il vostro vCAC appliance al vCenter server SSO.
  • vCloud Automation Center Appliance
  • Windows 2008 R2 con installato tutti i componenti IIS di vCAC.
    • Distributed Execution Managers
    • Proxy agents
    • Website
    • Manager Service
    • Model Manager
  • AD 2012 come servizio di autenticazione. Uso lo stesso server per hostare i servizi DNS e NTP.
  • vSphere 5.5 vCenter Appliance
  • 2 ESXi servers (installati su due HP BL460c G6)
  • SQL server per il DB di vCAC.

Nei prossimi articoli coprirò tutti i passi ncessari per deployare con successo vCAC.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *